Prestiti per disoccupati online

by admin on 2 settembre 2010

E’ possibile per i disoccupati accedere a forme di finanziamenti o prestiti ?  Ci introduciamo in una discussione tematica particolarmente complessa: quella dei  finanziamenti  e dei prestiti online concessi ai disoccupati.

La disamina  relativa ai prestiti per disoccupati sarà particolarmente rapida ma illustrata ad ampio raggio, in quanto distinte figure prefissate  per  dare credito al disoccupato sono già vigenti in altri contenuti del sito.


 Incominciamo con una diversificazione importante, la quale grava parecchio sull’assegnazione dei prestiti a disoccupati ma non soltanto: si tratta della differenzazione tra la figura dell’ inoccupato e quella del disoccupato la quale è stata enunciata dalla normativa sul lavoro per disciplinare due diverse  figure di disoccupati che a loro volta hanno rilievo in tema di finanziamenti per disoccupati on line.

 Per impresso, appartengono alla categoria degli  inoccupati quelli che non hanno mai lavorato e che dunque non  hanno mai avuto l’opportunità di approdare in maniera ufficiale  nel mondo del lavoro ; mentre i disoccupati per motivazioni diverse hanno perso il proprio lavoro.

 Come si potrà constatare, il legame ad una figura anziché all’altra pregiudica con dei vantaggi e degli svantaggi nel così chiamato  finanziamento al disoccupato online.

Razionalmente è ovvio che gli inoccupati avranno più difficoltà nel poter accedere ad un prestito.

Il lavoratore che si trova nella categoria degli inoccupati è invece  equiparato a chi lavora senza dichiarare all’Erario il proprio reddito  è appunto il caso del lavoratore a nero.

All’inverso, verrà  più facile conseguire finanziamenti per i disoccupati come ad esempio  è il caso dei prestiti personali disoccupati  poiché questi, nonostante  la cessazione e/o o la  perdita del  posto di lavoro, se non altro per il primo anno hanno la possibilità di  fare uso  dell’ultima dichiarazione dei redditi  o nel caso in cui  hanno ricevuto od hanno dei prestiti  in corso sono altresì conosciuti alle banche dati, circostanza del tutto positiva per coloro che richiedono un finanziamento.

Mentre i vantaggi si rovesciano  nel caso in cui  i prestiti x disoccupati si rivolgono verso la creazione di attività lavorative nei settori dei finanziamenti della imprenditoria giovanile, femminile, d’onore etc. dove, tra i requisiti volti all’ottenimento del prestito, v’è quello di essere inoccupati e/o non aver mai avuto una partita iva. Veniamo ora ai rimedi creati dall’ordinamento creditizio per concedere eventuali prestiti ai disoccupati ed a quali condizioni.

Dopo avere precisato tali aspetti è appena il caso di trattare i più convenzionali  finanziamenti forgiati con lo stato giuridico della disoccupazione ponendo  cautela  alla circostanza che la denominazione  di disoccupato sarà riconducibile imparzialmente  sia alla figura dell’inoccupato che a quella del disoccupato.

Tra i prestiti personali per disoccupati ma anche per qualunque  altra classe  di clienti, scopriamo prima di tutto  che sono  garantiti da soggetti terzi:  appare immaginabile ma alcune persone non sono a conoscenza di tale informazione.

Di conseguenza  il disoccupato che si trova nella situazione di poter farsi  garantire ad esempio  da amici, familiari,  avrà modo di accedere al prestito  anche se non è in possesso di documentazione che certifichi il proprio stato ufficiale lavorativo.

Un’altra tipologia, benché poco utilizzata, di prestiti per disoccupati è quella accordata ai soggetti che conseguono proventi  di lavoro in nero e/o  in ogni caso dispensati  dal dichiararli e quindi risultano legalmente disoccupati  (esempio classico sono i  rapporti di collaborazione occasionali  con ritenuta di imposta alla fonte) i quali versano il proprio denaro in maniera regolare  su un conto corrente bancario: alcuni istituti di credito, nello specifico a beneficio di clienti che distinguono per la loro fedeltà , concedono un finanziamento a coloro che sono ufficialmente disoccupati tenendo conto del reddito di fatto attestato nel tempo attraverso  l’estratto del conto corrente.

Considerevoli  aiuti  in ordine ai finanziamenti a disoccupati si possono avere con mutui liquidità.

Difatti , il mutuo a disoccupati si presenta come una vera e propria realtà quando il disoccupato stesso possiede la  proprietà  di un immobile sul quale, attraverso un’ ipoteca che garantisce il capitale finanziato, verrà  accesso un prestito  che è denominato mutuo liquidità.

Esso rappresenta , in pratica,  una specie di prestito personale per disoccupato anche se disciplinato dalla normativa sui mutui, ovvero al disoccupato verrà erogata una somma liquida allo stesso modo  a quella ricevuta dai convenzionali  prestiti personali.

Ciò nonostante, in alcune ipotesi  ed in relazione all’istituto di credito non è sufficiente soltanto l’ipoteca ma occorrerà altresì comprovare  l’idoneità di poter adempiere al pagamento della rata perfino  per il mezzo di uno dei suindicati sistemi.

Ma la configurazione di finanziamenti disoccupati oppure prestiti disoccupati , si ha negli incentivi rivolti all’apertura di piccole e medie imprese attraverso contributi, anche a fondo perduto, concessi  dalla Comunità Europea,  dal Governo, dalle Regioni, dalle Provincie e anche da Comuni  e destinati ai disoccupati alcune volte  in modo specifico di lunga durata.

In tali ipotesi , via via , si prefissa  la data e l’importo  dei  finanziamenti ai disoccupati od agli inoccupati.

Comments on this entry are closed.

Previous post:

Next post: